Snam e Accenture assieme per l Iot che rende intelligenti le reti – Wired.it

Snam e Accenture assieme per l Iot che rende intelligenti le reti – Wired.it

Le tecnologie dell’internet of things ma anche l’artificial intelligence possono fare molto per un nuovo corso, in cui il monitoraggio e la manutenzione delle infrastrutture sarà più smart e genererà ricadute positive anche per i territori

(foto: Alexander Pohl/NurPhoto via Getty Images)

La transizione energetica richiede innovazione e offre ai giganti del settore numerose opportunità da cogliere, con i giusti investimenti e le corrette valutazioni.

Un assunto certamente valido anche per Snam, società globale delle infrastrutture energetiche che ha nel suo progetto SnamTec (tec sta per Tomorrow’s Energy Company) il mezzo con cui accelerare la sua capacità innovativa e quello dei suoi asset.

Come annunciato oggi, in questa ampia iniziativa rientra anche il memorandum di intesa, nel nome dell’internet of things, siglato con Accenture l’azienda che opera in diversi paesi nel settore dei servizi professionali. Anche nel campo delle reti dell’energia, l’introduzione dell’iot può favorire la rincorsa a quegli obiettivi di sostenibilità che sembrano sempre più vitali, guardando anche al benessere dei territori. La leva tecnologica è quella che, più in generale, consente di rendere sempre più performanti le infrastrutture, grazie a monitoraggio più intelligente e predittivo in ottica manutenzione.

Accenture e Snam, quindi, come prevede il memorandum, lavoreranno assieme per capire quali soluzioni tecnologiche, iot, ma anche legate all’Ai, aiuteranno più facilmente a raggiungere gli obiettivi. Spazio anche all’analisi sul crescente ruolo dei gas rinnovabili, sempre più importanti in quel mix energetico che servirà ad accelerare la decarbonizzaazione.

Come sottolineato da Marco Alverà, amministratore delegato di Snam, presente alla sigla dell’accordo con il ceo di Accenture, Julie Sweet e l’ad di Accenture Italia, Fabio Benasso, “l’obiettivo è rendere la nostra rete sempre più moderna, sostenibile e integrata con i territori e le comunità, utilizzando sistemi innovativi come l’iot per agevolare la manutenzione degli impianti e ridurre le emissioni. Proprio grazie all’impegno sull’innovazione, nel nostro nuovo piano prevediamo di ridurre del 40% le emissioni di metano al 2025 e del 40% le emissioni di CO2 equivalente entro il 2030”.

Delle tre aree in cui si focalizza il progetto SnamTec, le iniziative per l’innovazione tecnologica e la digitalizzazione della rete prevedono investimenti per circa 350 milioni, che si assommano ai 700 a favore della sostenibilità ambientale del core business e ai 400 milioni per gli investimenti per la transizione energetica, per un totale di oltre 1,4 miliardi secondo l’ultimo piano di investimenti che guarda al 2023, recentemente presentato.

Leggi anche

Potrebbe interessarti anche