Il Governo spinge su blockchain, AI e IoT. Di Maio: “Fondo ad hoc in manovra”

Il Governo spinge su blockchain, AI e IoT. Di Maio: “Fondo ad hoc in manovra”

“Vogliamo aumentare gli investimenti pubblici e privati per le tecnologie, in manovra abbiamo istituito un fondo apposito per intelligenza artificiale, blockchain e internet delle cose“. Lo ha detto nel corso del convegno sul 5G alla Camera Luigi d Maio, vicepremier e ministro dello Sviluppo economico. Non è mancato un riferimento alla blockchain, dopo che l’Italia proprio ieri ha fatto il suo ingresso nella partnership europea sulla distributed ledger technology: “Sull’innovazione dovevamo decidere se essere parte del cambiamento – sottolinea il vicepresidente del Consiglio – Abbiamo deciso per l’adesione alla blockchain partner europea”.

Oggi il Mise ha intanto pubblicato un avviso pubblico per la manifestazione di interesse per la selezione di 30 componenti del gruppo di esperti di alto livello per l’elaborazione della strategia nazionale sulle tecnologie basate su registri distribuiti e blockchain: la procedura rimarrà aperta fino alle 24.00 del 28 ottobre. “Il Mise ritiene una priorità fondamentale per il nostro Paese conoscere, approfondire e affrontare il tema delle Distributed Ledger Technologies (DLT) e della Blockchain – si legge in una nota del ministero – nonché aumentare gli investimenti pubblici e privati in tale direzione e nelle tecnologie strettamente connesse alle stesse”. Così, dopo l’adesione dell’Italia alla partnership europea, il prossimo passo del Mise è l’adozione di una Strategia Nazionale per le DLT e la Blockchain, da elaborare avvalendosi di un gruppo di esperti che approfondisca policy e strumenti.

Sono ventuno in tutto i paesi Ue che hanno già sottoscritto gli impegni della cosiddetta “European Blockchain Partnership” in occasione del Digital Day 2 in primavera (Austria, Belgio, Bulgaria, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta,  Olanda, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Norvegia), mentre in un secondo momento si sono uniti Grecia, Romania, Danimarca e Cipro.

Ad oggi la Commissione europea ha investito oltre 80 milioni di euro in progetti legati al Blockchain e circa 300 milioni di euro sono previsti per lo sviluppo della tecnologia entro il 2020.

Quanto invece all’intelligenza artificiale, a testimoniare l’attenzione del governo verso le nuove tecnologie c’è il fatto che Agid all’inizio del mese ha lanciato la call “Cambia la burocrazia. Usa l’Intelligenza! destinata alle imprese innovative per promuovere percorsi di open innovation tra amministrazioni e aziende e modernizzare processi e servizi della pubblica amministrazione attraverso l’AI. Si tratta di un programma di co-progettazione, promosso da Agid dedicato ad imprese innovative che utilizzino l’Intelligenza Artificiale come tecnologia portante della propria offerta di servizi. “Obiettivo finale del percorso è – spiegano da Agid – consentire alle imprese innovative di collaborare per cambiare il modo di lavorare delle pubbliche amministrazioni, proponendo soluzioni che possono migliorare i processi interni ed i servizi al cittadino”.

L’articolo Il Governo spinge su blockchain, AI e IoT. Di Maio: “Fondo ad hoc in manovra” proviene da CorCom.